Cordiali saluti

Ercole Facin

How to sculpt

How to sculpt
2. feb, 2017 Text
THE TOOLS
Traditional carving tools are little changed over the centuries. You will be astonished by the great number of tools required for carving. Some teachers say that a good Carver arrives to use up to 200 different types of gear, others say that 70 is more than enough; Basically you frequently use only a dozen between gouges and chisels, other are needed only occasionally. However, it is possible to perform a large number of carving only with a few tools, but the needs will vary according to the style of each, subject to carve and scale the object that you want to accomplish.
FOR THE ACTUAL CARVING GOUGES, CHISELS AND CHISELS ARE NEEDED.
CHISELS: Are steel tips that aim to cut the wood in a graphical way, drawing a little Groove. With the same name cabinetmaking manuals indicate the scalpel (analogous to those surgical instruments) that are useful to hack box cutters superficially wood.
GOUGES and chisels: The gouge is basically a chisel with the bevel (the blade end) concave. Those straight-bladed tools are more robust and are used to trim the work; almost always used with the mallet. The blade has the edge parallel to the base of the tail (or shoulder) and it's very thick.
Curves, SALMON belly, SLIGHT curvature: all these terms indicate gouges with a slight curvature and elongated. Are suitable for carving bowls and hollow forms in which a straight gouge would tend to pierce the bottom rather than flatten it.
Chisels and GOUGES for GRINDING, SPOON: The gouges of this type serve no purpose except to carve pieces with small and deep cavity. Chisels are very useful for working flat bottoms of beaded motifs.
INVERTED CURVE, bent SPOON OVERTURNED: are used infrequently and are in a very limited range of shapes.
GOUGES and chisels to calcaneus: Have the bevel connected with one step instead of a continuous curve.
Chisels and FISHTAIL chisel, SPADE: commonly are all called to triangle. Have the triangular blade, which makes them particularly suitable for machining small parts.
Text
Sculpture: Blocking and pre-finish
When there is about to create a sculpture, whether it's a sculpture in marble, stone or wood, you should always proceed with a first pressing.
The blocking is primarily about remove excess material and then release the shape in its rawest State (we will proceed then to the definition of the subject and the subsequent sanding and finishing).
literally slotting draft phase — a phase means that respects the initial idea at least in size and proportion in relation to the surrounding space.
The first roughing vierne generally made through sawing machines (chainsaws, circular saws and tape in the case of wood, and continuous wire saws in the case of marble and stone); of course, depending on the size of the initial block than the finished work will be unable to use less demanding manuals power tools such as angle grinders (flexible), electric chisel, planes etc.
Purely manual methods require the use of several types of chisels for that hour we will analyze forms and characteristics in relation to different phases:

1° BLOCKING
It is the phase that requires a coarser but no less challenging, are commonly used chisels to tip (chisel) or very similar break both in the stone carving on wood.
Chisel or Tip: Chisel used on marble and stone in which a steel rod octagonal pyramidal tip ends in a forged or Cone (which guarantees a longer life). Wind must be used with a larger diameter for the initial phase of finishing off starting first unleashing shots perpendicular to the surface and subsequently reducing the incidence angle until you get to 40-45°.
Chisel: has the same function as the chisel but is used on soft materials like stones, gypsum or wood; in the latter case, you need two shots with opposite angles to determine the posting of material. The cutting edges can have different sizes depending on the hardness of the material and the different needs of detail required.
In stone carving you proceed using heavy hammers or mallets while for wood is generally a wooden hammer to avoid damaging the tool handle (usually made of wood with a steel ring reinforced against possible cracks from entrapment)
2° BLOCKING of APPROXIMATION
From a work sampling shall be hewn in a second phase of material in which you approach to finite form; You can use the same tools of previous phase but should always proceed with instruments with a cutting line to a lesser extent strictly avoiding shots perpendicular to the surface (you may cause cracks and chipping) especially for relatively hard marble and stone. With soft materials such as plaster and wood, you can start to use curved blade bits or chisels to get as close as possible to the finished form.
Gouge: family Tool chisels with curved cutting line and generally also a portion of stem (you use without the help of hammers but only with a movement ") of the hand, which is why the wooden handle does not have reinforcing rings and often is turned perfectly spherical or with ergonomic grip.
3° PRE-FINISH OF THE SUBJECT
In the last phase of pre-finish you come gradually to shape but slightly exceeding material thick at work than the desired shape (skin) which will be used in the final stage of sanding to prepare the breaking changes texturali or delete, depending on stylistic choices taken, in a more or less accentuated tool marks.
At this stage are used for marble and stone Tools and wood Grips while we proceed with hand tools, Chisels and rasps of different kinds or with rotary power tools (brushes, spherical cutters of various types, etc.)
Gradina: forged steel chisel when cutting line is replaced with "gears" in punta obtained or provided in widia. The effect created is a rake but what matters most is the fact that with the gradina (who can distribute the blow on each tooth) you can finish large areas forcing smoothly curved shapes.
Grips: forged steel Chisel when cutting line instead of being flat is shaped slightly rounded (similar to a fingernail). Allows good definition of detail and a delicate and precise chiselling.
THE CHOICE OF WOOD
THE WOOD MAN · SUNDAY 8 JANUARY 2017
The advantage of a sculpture is also given in large part by the wood chosen. Almost always before starting a job it is important to examine the wood chosen by analyzing its characteristics. Flaws, kinks, roots and knots can be exploited to obtain very interesting results; the wood is composed of longitudinal fibers, and then binds the chance to shape it: a good sculptor before making choices of an operational nature, he always keeps in mind the grain that helps him to sculpt the material in harmony, taking full advantage of its nature. For small sculptures or carvings you can ' use the wood harder; Vice versa for large sculptures using soft wood. The fast growth of a tree produces softwood while slow growth produces bigger wood. In this connection it is possible to recognize plants with soft wood like pine, lime, pine and FIR, willow, and hardwoods such as walnut, boxwood, olive, oak, maple, oak and ash.
THE EUROPEAN WALNUT: IT'S A WOOD WITH A REMARKABLE SPECIFIC GRAVITY, VERY COMPACT AND STRONG WITH THE DIVERSITY OF COLORS THAT ACCENTUATE THE CHIAROSCURO. IT IS USED THE MOST BECAUSE IT'S SEASONED VERY HOMOGENEOUS AND IT'S EASIER TO CARVE. AFTER A WHILE, GETTING OLD, THE SCULPTURE TAKES SOME NICE WARM GOLDEN COLORS.
IL BOSSO: THAT'S THE HARDEST WOODS AVAILABLE. IT HAS A VERY UNIFORM GRAIN, YOU CARVE VERY WELL AND IT IS PARTICULARLY SUITABLE FOR SMALL SCULPTURES. WHILE IT DRIES TENDS TO CRACK.
THE CHESTNUT: IT HAS A GREYISH-BROWN TONES WITH DIFFERENT SHADES. BEING VERY HARD YOU CAN ERODE EASILY; WITH THIS WOOD CAN PRODUCE ANY SCULPTURE. IS EASILY MASS MAILINGS IN THE WOODS AND HILLS.
THE LINDEN WOOD: IS COMPACT AND GRAIN WITH FINE TEXTURE; IT HAS A YELLOWISH COLOR SOMETIMES WITH SLIGHT NUANCES THAT TEND TO PINK. YOU WORK WELL IN ALL DIRECTIONS. BEING VERY TENDER HAS SOME DISADVANTAGE AS THE FACILITY TO BREAK UNDER PRESSURE AND TARLARSI.
THE PINE PINE: ALSO KNOWN AS THE PINE HAS THE STREAKS OF LIGHT BROWN COLOR THAT OVER TIME BECOME DARK. IT IS WIDELY USED BECAUSE IT HAS A HIGH TENDERNESS, EASILY INTAGLIABILE. ANOTHER IMPORTANT FEATURE IS TO NEVER BE ATTACKED BY WOODWORM.CHOICE OF WOOD
Testo
Come scolpire
2. feb, 2017 Testo
GLI ATTREZZI
I tradizionali attrezzi per intaglio sono poco cambiati nel corso dei secoli. Si rimane stupiti del grande numero di attrezzi necessari per l'intaglio. Alcuni maestri dicono che un buon intagliatore arriva ad usare fino a 200 tipi di attrezzi diversi, altri dicono che 70 sono piu' che sufficienti; in pratica si usano frequentemente solo una dozzina tra sgorbie e scalpelli, altri sono necessari solo occasionalmente. E' comunque possibile eseguire un grande numero di lavori di intaglio solo con pochi attrezzi, ma le esigenze variano secondo lo stile di ciascuno, il soggetto da intagliare e la scala dell'oggetto che si vuole realizzare.
PER L'INTAGLIO VERO E PROPRIO SERVONO BULINI, SCALPELLI E SGORBIE .
BULINI: Sono punte d'acciaio che hanno lo scopo di incidere il legno in modo grafico, tracciando un piccolo solco. Con lo stesso nome i manuali di ebanistica indicano i bisturi ( analoghi a quelli chirurgici) che sono taglierini utili per incidere superficialmente il legno.
SGORBIE E SCALPELLI DIRITTI: La sgorbia è in pratica uno scalpello con il bisello ( la parte terminale della lama) concavo. Quelli a lama diritta sono gli attrezzi piu' robusti e si usano per sgrossare il lavoro; quasi sempre si usano con il mazzuolo. La lama ha i bordi paralleli fino a quasi alla base del codolo ( o spalla) ed e' di notevole spessore.
CURVE, A PANCIA DI SALMONE, A CURVATURA LEGGERA: Tutti questi termini indicano sgorbie con una curvatura leggera e allungata. Sono indicate per intagliare ciotole e forme incavate nelle quali una sgorbia diritta tenderebbe a bucare il fondo invece che appiattirlo.
SCALPELLI E SGORBIE PER SGROSSARE, A CUCCHIAIO: Le sgorbie di questo tipo non servono se non a intagliare pezzi con cavita' piccole e profonde. Gli scalpelli sono molto utili per lavorare fondi piatti di motivi in rilievo.
SGORBIE A CURVA ROVESCIATA, A CUCCHIAIO ROVESCIATO: Si usano raramente e si trovano in una gamma molto limitata di forme.
SGORBIE E SCALPELLI A CALCAGNO: Hanno il bisello raccordato con uno scalino invece che con una curva continua.
SCALPELLI E SGORBIE A CODA DI PESCE, A VANGA: Comunemente vengono tutti chiamati a triangolo. Hanno la lama triangolare, il che li rende particolarmente indicati per lavorare piccoli particolari.
Scultura: Sbozzatura e Prefinitura
Quando ci sia accinge a creare una scultura dal pieno, sia che si tratti di una scultura in marmo, pietra o legno, conviene procedere sempre con una prima sbozzatura.
La sbozzatura consiste principalmente nel togliere l'eccesso di materiale per poi liberare la forma nel suo stato più grezzo (si procederà poi alla definizione del soggetto e alla successiva levigatura e finitura).
letteralmente sbozzare significa portare alla fase di bozza ossia una fase che rispetti l'idea iniziale almeno in dimensioni e proporzioni anche in relazione allo spazio circostante.
La prima sbozzatura vierne generalmente realizzata attraverso seghe (motoseghe, seghe circolari e a nastro nel caso del legno, e segatrici a filo continuo nel caso di marmi e pietra); ovviamente, a seconda delle dimensioni del blocco iniziale rispetto al lavoro finito sarà possibile utilizzare elettroutensili manuali meno impegnativi come Smerigliatrici angolari (flessibile), scalpelli elettrici, pialle ecc...
I metodi più prettamente manuali invece richiedono l'uso di di vari tipi di scalpello di cui ora analizzeremo forme e caratteristiche in relazione alle differenti fasi:
1°SBOZZATURA
E' la fase che richiede un lavoro più grossolano ma non per questo meno impegnativo, vengono generalmente utilizzati scalpelli a punta (subbia) o a taglio molto simili sia nella scultura in pietra che in quella su legno.
Subbia o Punta: Scalpello utilizzato su marmi e pietre in cui un asta di acciaio forgiato ottagonale termina in una punta piramidale o ad ogiva (che garantisce una maggior durata). Vanno utilizzate Subbie con diametro maggiore per la fase iniziale di sbozzatura iniziando dapprima sferrando colpi perpendicolari alla superficie e successivamente riducendo l'angolo di incidenza fino ad arrivare a 40-45°.
Scalpello a taglio: Ha la stessa funzione della subbia ma viene utilizzato su materiali teneri come pietre, gessi o legno; in quest'ultimo caso sono necessari due colpi con angolature opposte per determinare il distacco di materiale. Il profilo tagliente può avere diverse misure a seconda della durezza del materiale e della differente necessità di dettaglio richiesta.
Nella scultura su pietra si procede utilizzando martelli pesanti o mazzette mentre per il legno si usa generalmente un martello di legno per non rovinare il manico dell'utensile (generalmente in legno con un anello di acciaio di rinforzo contro eventuali fessurazioni da schiacciamento)
2° SBOZZATURA DI APPROSSIMAZIONE
Da un opera sbozzata si procede in una seconda fase di prelievo materiale in cui ci si avvicina ulteriormente alla forma finita; si possono utilizzare gli stessi utensili della precedente fase ma conviene sempre procedere con strumenti con una linea di taglio di misura inferiore evitando tassativamente colpi perpendicolari alla superficie (si rischia di causare crepe e scheggiature) soprattutto per marmi e pietre relativamente dure. Con materiali teneri come gesso e legno si può iniziare ad utilizzare scalpelli a lama curva o sgorbie per avvicinarsi il più possibile alla forma finita.
Sgorbia: Utensile appartenente alla famiglia degli scalpelli avente la linea di taglio ricurva e generalmente anche una porzione di stelo (viene infatti utilizzato senza l'ausilio di martelli ma solo con un movimento "a leva) della mano, motivo per cui il manico in legno non presenta anelli di rinforzo anzi spesso è di forma semisferica perfettamente tornita o con impugnatura ergonomica.
3° PREFINITURA DEL SOGGETTO
Nell'ultima fase di prefinitura si arriva gradualmente alla forma lasciando però all'opera uno spessore di materiale leggermente eccedente rispetto alla forma voluta (pelle) che servirà nella fase finale di levigatura per approntare le ultime modifiche texturali o per eliminare, a seconda delle scelte stilistiche intraprese, in modo più o meno accentuato i segni degli attrezzi.
In questa fase vengono utilizzate Gradine e Unghiette per marmi e pietre mentre per il legno si procede con utensili a mano, Sgorbie e Raspe di vario tipo oppure con elettroutensili rotativi (spazzole a lamelle, frese sferiche di vario tipo ecc...)
Gradina: scalpello in acciaio forgiato in cui la linea di taglio viene sostituita da "dentature" a punta ricavate o riportate in widia. L'effetto creato è a rastrello ma ciò che più conta è il fatto che con la gradina (che riesce a distribuire il colpo su ogni singolo dente) è possibile rifinire superfici estese imponendo senza difficoltà forme curve.
Unghiette: Scalpello sempre in acciaio forgiato in cui la linea di taglio anzichè essere piana ha la forma leggermente raggiata (simile appunto ad un unghia). Permette una buona definizione di dettaglio ed una scalpellatura delicata e precisa.
LA SCELTA DEL LEGNO
L'UOMO DEL LEGNO· DOMENICA 8 GENNAIO 2017
Il pregio di una scultura e’ anche dato in larga parte dal legno scelto. Quasi sempre prima di iniziare un lavoro e’ doveroso esaminare il legno scelto analizzando le sue caratteristiche. Difetti, curvature, radici e nodi possono essere sfruttati per ottenere risultati molto interessanti; il legno e’ composto di fibre longitudinali e quindi vincola le possibilita’ di modellarlo: un bravo scultore prima di fare delle scelte di carattere operativo, tiene sempre presente la venatura che lo aiuta a scolpire il materiale in armonia, sfruttando al meglio la sua natura. Per sculture o intagli di piccole dimensioni si puo’ usare il legno piu’ duro; viceversa per sculture di grandi dimensioni si usa il legno tenero. La crescita veloce di un albero genera legno dolce mentre la crescita lenta produce legno piu’ consistente. A questo proposito si possono riconoscere piante a legno tenero come il tiglio, il pino cirmolo, l’abete e il salice, e a legno duro come il noce, il bosso, l’olivo, la quercia, l’acero, il rovere e il frassino.
IL NOCE EUROPEO: E’ UN LEGNO CON UN NOTEVOLE PESO SPECIFICO, MOLTO COMPATTO E RESISTENTE CON DELLE DIVERSITA’ DI COLORI CHE FANNO RISALTARE IL CHIAROSCURO. VIENE USATO IL TIPO PIU’ STAGIONATO PERCHE’ E’ MOLTO OMOGENEO ED E’ PIU’ FACILE DA INTAGLIARE. DOPO UN PO’ DI TEMPO, INVECCHIANDO, LA SCULTURA ASSUME DEI BEI COLORI DORATI E CALDI.
IL BOSSO: E’ TRA I LEGNI REPERIBILI IL PIU’ DURO. HA UNA GRANA MOLTO OMOGENEA, SI INTAGLIA MOLTO BENE ED E’ PARTICOLARMENTE INDICATO PER PICCOLE SCULTURE. MENTRE SI ASCIUGA TENDE A SCREPOLARSI.
IL CASTAGNO: HA UNA TONALITA’ MARRONE GRIGIASTRO CON DIVERSE SFUMATURE. ESSENDO MOLTO DURO SI PUO’ SGRETOLARE FACILMENTE; CON QUESTO LEGNO SI PUO’ REALIZZARE QUALUNQUE SCULTURA. SI TROVA CON FACILITA’ IN GRANDI QUANTITATIVI NEI BOSCHI E IN COLLINA.
IL TIGLIO: IL LEGNO IN QUESTIONE E’ DI GRANA COMPATTA E CON STRUTTURA FINE; HA UN COLORE GIALLASTRO TALVOLTA CON LEGGERE SFUMATURE CHE TENDONO AL ROSA. SI LAVORA BENE IN TUTTE LE DIREZIONI. ESSENDO MOLTO TENERO HA QUALCHE SVANTAGGIO COME LA FACILITA’ DI ROMPERSI SOTTO PRESSIONE E DI TARLARSI.
IL PINO CIRMOLO: CONOSCIUTO ANCHE CON IL NOME DI PINO CEMBRO HA LE VENATURE DI COLORE MARRONE CHIARO CHE CON IL TEMPO DIVENTANO SCURE. VIENE MOLTO USATO PERCHE’ HA UN’ALTA CONSISTENZA TENERA, FACILMENTE INTAGLIABILE. UN’ALTRA CARATTERISTICA IMPORTANTE E’ QUELLA DI NON VENIRE MAI ATTACCATO DAI TARLI.